Giro della più grande isola del Mediterraneo

Himera

himera-sicilia-793

Himera è un’antica città greca di Sicilia che fu fondata presso la foce del fiume omonimo nel 648 a.C. da Calcidesi di Zancle (Messina) e Dori esiliati. Si trova sulla costa settentrionale dell’isola, di fronte al golfo tra due promontori (da Termini Imerese a ovest e da Cefalù a 20 km a est).
Sul sito archeologico si scoprono i resti della città, in particolare quelli del tempio della vittoria, e un interessante museo (Antiquarium)

La città fu distrutta nel 408 a.C. possedeva sorgenti termali, aveva in particolare un gallo come emblema. Si vantava di cittadini illustri come il poeta Stesicoro e atleti che vinsero le Olimpiadi.

Sito archeologico

himera-sicilia-795

Tempio della Vittoria, Himera

I resti archeologici della città di Himera non sono molto impressionanti, ma non mancano di interesse storico.
Sulle alture, l’acropoli è incorniciata da portici, con un altare monumentale, quattro templi senza colonnati (datati tra il VII e l’inizio del V secolo a.C.), di cui uno sarebbe stato dedicato ad Atena, secondo un graffito.

Al piede dell’acropoli si trovano i resti evocativi di un tempio della Vittoria, periptero esastilo di ordine dorico, di 6 per 14 colonne. Un’ipotesi discussa attribuirebbe la sua costruzione alla vittoria su Cartagine nel – 480. Questo tempio era coronato da un fregio di fiori di loto e di palme.
Il museo archeologico di Palermo conserva elementi architettonici, tra cui gargoyle a testa di leone provenienti dal tempio.

himere-statere-avers800

Statera di Himera

Diversi quartieri residenziali e resti di mura sono stati scoperti, caratterizzati dal loro piano con le strade perpendicolari.

Nelle vicinanze sono state rinvenute tre necropoli, di cui una di una decina di migliaia di tombe, e fosse comuni dove sono stati ritrovati resti di soldati e di cavalli. Si trovavano lungo le principali strade che uscivano dalla città. La necropoli orientale si trova vicino alla spiaggia, ad est del fiume Himera (quartiere Pestavecchia). Quella a sud si trova a Scacciapidocchi, vicino alla strada. A ovest si trovano due necropoli: sulle pendici del Piano del Tamburino e sulla piana di Buonfornello.

Antiquarium

Un ricco museo si trova nel parco archeologico di Himera (Antiquarium), dove si conservano le scoperte più importanti dell’antica città greca e dei suoi dintorni, ripercorrendo i suoi aspetti storici e culturali.
Sono conservate in particolare le cornici del tempio della Vittoria con teste di leone.
Nell’atrio d’ingresso, dei pannelli didattici presentano la storia e la topografia del sito, mentre uno spazio espositivo è dedicato ad una cornice, monete, ex-voto, vasi, oggetti funerari dalla necropoli, tra cui due scheletri abbracciati.
Sezioni sono dedicate ai siti della regione: Terravecchia di Cuti, Monte Riparato, Mura Pregne, Brucato, una villa romana sulle alture di Cefalù e scoperte sottomarine.
L’oggetto più bello esposto è una phiale di oro, inciso con pigne. La fine della visita termina con il mosaico policromo in stile africano, rinvenuto nella villa romana di Settefrati (ad ovest di Cefalù).

Storia

didrachme-himera-avers800

Doppia dracma di Himera

La città di Himera si sviluppò rapidamente, soprattutto nella prima parte del VI secolo.

Un’epigrafe trovata a Samo (città greca di Calabria) indica che la città stava vivendo delle tensioni con le popolazioni locali Sicane dell’entroterra. Himera chiamò anche intorno al VI secolo l’aiuto di Falaride, tiranno di Agrigento. Difficoltà esistevano anche con le città fenicie di Panormos (Palermo) e Solunto.

Le città greche erano in conflitto più o meno intenso da decenni, con l’espansione delle città doriche. Guidate dal tiranno di Gela, Cleandro, queste conquistarono Zancle (Messina), Leontinoi, Naxos, Catania e Camarina; poi il suo successore Gelone catturò Siracusa nel 485 a.C. e ne fece la sua capitale. Da parte sua, Akragas (Agrigento), conquistò con il tiranno Terone (488-472) delle terre degli Sicani e altri Sicelioti (greci di origine Orientale).

Per contrastare gli Dori, i tiranni di Rhegion e di Himera si allearono e si avvicinarono ai Cartaginesi verso il 490 a.C. Selinunte si alleò a Gelone di Siracusa, ma gli Elimi (diverse città dell’ovest) si unirono a Cartagine.
Nel 483 a.C. Terone d’Akragas depose il tiranno di Himera, Terrillo, che si rifugiò in Rhegion. Questo chiese l’aiuto di Cartagine che inviò una spedizione in Sicilia.

didrachme-himera-revers800

Doppia dracma di Himera

Nel 480 a.C., gli eserciti greci alleati di Siracusa e di Akragas, guidati da Gelone, sconfissero gli eserciti cartaginesi nell’epica battaglia di Himera, che si svolse nella pianura sovrastante la città.
Durante gli scontri morì il capo della spedizione punica, il generale Amilcare I.

Nel 475 a.C. alcuni abitanti di Himera tentarono di ribellarsi contro l’oppressione del loro governatore Trasideo, figlio del tiranno Terone d’Agrigento. Essi tentarono di offrire la città a Gerone I, tiranno di Siracusa, in cambio di un sostegno in caso di guerra contro Terone. Gerone li denunciò a Terone che finì per identificare ed eseguire gli oppositori, giustiziando molti himeriani. Alla morte di Terone nel 471 a.C., gli abitanti cacciarono Trasideo.

Durante la guerra del Peloponneso, al momento della spedizione degli Ateniesi in Sicilia, lo spartano Gilippo alleato a Siracusa sbarcò a Himera nel 415 a.C. Rafforzò il suo esercito con rinforzi da Imero, Gela e Selinunte, partecipando alla battaglia di Assinaro per cacciare gli Ateniesi.

himere-tetradrachme-avers800

Tetradracma di Himera

Nel 409 a.C. i Cartaginesi condussero una spedizione armata in Sicilia, su invito degli Elimi di Segesta in conflitto con i greci di Selinunte. Erano guidati da Annibale Magone, nipote di Amilcare I il generale punito ucciso settanta anni prima a Himera.
La prima città assediata e distrutta fu Selinunte, la cui popolazione non giustiziata fu ridotta in schiavitù. I Cartaginesi si diressero poi verso Himera. Appreso il destino di Selinunte, molti abitanti furono evacuati a Zancle. La città fu conquistata e circa 3000 persone furono giustiziate per ordine di Annibale, in nome della morte del suo antenato, ucciso qui nel 480 a.C.
Dopo questo episodio, la città fu rasa al suolo e rapidamente abbandonata.

Due anni dopo, gli esuli di Himera e dei coloni libici fondarono Termini Imerese a 12 km a ovest della precedente. Questa nuova città rimase nel corso del tempo, anche in epoca romana.

Cartina

Informazioni

Rovine di Himera, antiquarium
Strada Statale 113, 90018 Buonfornello PA

Siti esterni

Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x