Giro della più grande isola del Mediterraneo

Pantelleria

Pantelleria è la più grande delle isole che circondano la Sicilia, con una superficie di 83 km². Di origine vulcanica si trova tra la costa siciliana (120 km) e la costa tunisina che è più vicina (83 km).
Proveniente dall’arabo Bent el Rhia, “figlia del vento”, questo nome caratterizza l’isola di Pantelleria. Chiamata anche la perla nera del Mediterraneo, questo vulcano ora in pseudo sonno prende il suo colore dalla sua roccia vulcanica, sebbene domini anche il verde, con la sua rigogliosa vegetazione selvaggia.

L’isola esibisce fenomeni vulcanici secondari, principalmente acque calde, geyser e fumi. Il punto più alto è la Montagna Grande a 836 metri sul livello del mare.
La maggior parte dell’isola è selvaggia senza una spiaggia sabbiosa. È disseminato di Dammusi, case quadrate di pietra caratteristiche dell’isola, ereditate dall’insediamento arabo.

adsensefeed

pantelleriaElementi storici

Il suolo vulcanico dell’isola attirò le tribù per sfruttare la sua ossidiana intorno al 5000 aC.
Sono i fenici che svilupperanno l’isola in modo significativo, intorno al 700 aC. Interessò molti popoli nel cuore della storia, quindi fu per esempio colonizzata da Romani, Arabi, Normanni o Borboni.
La casa tipica, il dammuso, è ereditata dagli arabi.

Accesso a Pantelleria

Si può raggiungere Pantelleria ad esempio da Trapani (6 ore con un traghetto classico, 3 ore in aliscafo), da Marsala o in aereo da Palermo o Trapani. Uno dei collegamenti più frequenti ed economici è il volo Pantelleria-Trapani.

Sulla mappa

Categoria Pantelleria

Informazioni

Siti esterni

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Destinazioni