Giro della più grande isola del Mediterraneo

Ustica

La piccola isola di Ustica, rimasta in gran parte selvaggia, si distingue in particolare per la qualità dei suoi fondali marini e delle sue numerose grotte. È un paradiso per i sub, protetto dalla più antica riserva naturale marina d’Italia.
Si trova al largo della costa della Sicilia, a circa 65 chilometri a nord di Palermo e 95 chilometri a ovest dell’isola di Alicudi, la più occidentale delle Isole Eolie.
La sua larghezza massima è di 3,5 km, con una superficie di circa 9 km².

Quest’isola è solo la piccola parte emersa di un grande e antico vulcano sottomarino, con i resti di foci come la Punta Maggiore (244 m) e la Guardia dei Turchi (238 m).
Il colore scuro delle sue rocce vulcaniche è probabilmente l’origine del suo nome dal latino Ustrum (bruciato in italiano). La sua costa frastagliata nasconde numerose grotte e calette.

Gli abitanti vivono di pesca e turismo, ma anche di una crescente produzione agricola, tra cui famose lenticchie, oltre che un famoso vino.

Storico

I greci chiamarono l’isola Osteodes (l’isola delle ossa), forse per la presenza di numerose ossa umane, che secondo una leggenda sono i resti di marinai stregati dal canto delle sirene e che hanno perso la ragione.
Diodoro Siculo le collega ai migliaia di mercenari cartaginesi abbandonati sull’isola dal loro comandante durante un ammutinamento durante una guerra contro Siracusa.
Furono i romani a chiamarla Ustica (da ustum che significa bruciato). Nella mitologia greca fu anche identificata (ma anche l’isola di Salina) come Eea, la casa della maga Circe, colei che trasformò i visitatori in maiali.

Molte vestigia sono state trovate sull’isola e sui fondali marini, tra cui testimonianze del Paleolitico, relitti sottomarini, con tracce di Fenici, Greci, Cartaginesi, Romani, o addirittura pirati saraceni che hanno utilizzato l’isola come base per lungo tempo.

Nel 1759 l’isola fu colonizzata per ordine di Ferdinando I delle Due Sicilie, costruendo il centro urbano di Cala Santa Maria.

adsensefeed

Visita dell’isola

Il piccolo centro abitato si sviluppa ad anfiteatro intorno ad una baia che ripara il porto. Da quest’ultimo si giunge il centro dove i muri delle case hanno da diversi anni la particolarità di recare quadri artistici, con paesaggi, ritratti, nature morte, soggetti fantastici, ecc. La torre di Santa Maria domina il paese e ospita un museo archeologico con scoperte preistoriche, greche e romane.

La costa dell’isola

Si può idealmente esplorare la costa di Ustica con un’escursione in barca, alla scoperta di alcune delle sue bellissime grotte (la Grotta Azzurra, la Grotta Verde, la Grotta Pastizza con le sue stalattiti, la Grotta delle Barche, ecc.).
Sul lato della terra si accede a calette di sabbia e ciottoli, e ad altre grotte, tra cui la spiaggia di Cala Sidoti e gli Scogli Piatti a ovest, la piscina naturale vicino al faro di Punta Cavazzi a sud-ovest, e a nord la spiaggia di ciottoli di Punticedda, o la piccola insenatura di Curruggio.

Il fondale marino

I fondali marini costituiscono il patrimonio più importante dell’isola di Ustica, costituendo una delle 20 riserve naturali marine d’Italia, e un vero paradiso per le immersioni subacquee.
Questi fondi sono ricchi e vari, con una fauna rara che mescola molte specie come barracuda, cernie, orate, cefali, murene, tonni, acciughe, polpi, ecc.
Si possono esplorare diverse grotte sottomarine, come la grotta dei gamberi, rocce basaltiche colonizzate da organismi, la Grotta delle Cipree con le sue stalattiti e le radici degli alberi visibili, ecc.

Sentieri e siti dell’isola

Appena ad est del paese, la Rocca della Falconiera è uno dei luoghi più belli dell’isola, un sito archeologico con soprattutto una vista superba, oltre a tombe del III secolo a.C., e ai piedi del promontorio resti paleocristiani e una necropoli romana scavata nella roccia.
Il luogo fu fortificato dai Borbone, così come le torri difensive (Torre Santa Maria e Torre Spalmatore).
La chiesa di Ferdinando Re nella piazza centrale è il principale edificio religioso dell’isola, insieme alla Chiesa di Santa Maria dei sette Dolori.

Diversi sentieri fanno il giro dell’isola, attraversando la sua macchia mediterranea e passando per i luoghi più belli, che puoi esplorare a piedi, in bicicletta, o anche a dorso d’asino!
A piedi ci vogliono circa 5 ore per fare il giro completo della costa (con circa un terzo asfaltato).

Il sentiero principale corre lungo la costa sud (Sentiero del Mezzogiorno), collegando la Torre Santa Maria a sud del paese nei pressi di Cala San Paolo (dove è visibile una profonda fessura), a Punta Cavazzi via Punta Galera.
Altri sentieri attraversano l’isola, come il Sentiero del Bosco che parte a nord dalla piazza del municipio, passa a strapiombo su Cala Giaconi, poi attraversa un santuario ottocentesco, lo Scoglio del Sacramento, il Gorgo Maltese che raccoglieva l’acqua piovana dei Romani, fino alla punta dell’isola con il villaggio preistorico dei Faraglioni (o villaggio Tramontana).
Un sentiero sale nel cuore dell’isola al Monte Guardia dei Turchi (244 m di altezza).

Siti archeologici e musei

Nel corso del tempo, diversi popoli hanno lasciato le loro tracce su Ustica, con, in particolare, tombe, gallerie, o anche i resti di relitti scoperti sui suoi fondali.

In particolare, a nord dell’isola, si trovava il villaggio preistorico di Tramontana risalente all’età del bronzo, costituito da case circolari e protetto da un possente muro rinforzato con torri semicircolari. Somiglia al borgo preistorico dell’isola di Panarea nell’arcipelago delle Eolie.
Rimane solo una sezione del recinto apparentemente ellittico. Tuttavia, la presenza di capanne sulla roccia emersa al largo suggerisce che quest’ultima fosse inclusa nel recinto, e che si sia staccata a seguito di un crollo, probabilmente durante un terremoto. Forse questo è il motivo per cui il villaggio fu abbandonato nel XII secolo a.C.

Il sito di Rocca Falconiera, già citato in precedenza, fu fortificato nel XVIII secolo dai Borbone per difendersi dai pirati barbareschi. L’origine del luogo risale al III secolo a.C., con livelli su i quali furono installate le case, tra cui alcuni trogloditi, cisterne, ecc

Nel Museo Archeologico Comunale sono conservati reperti dell’età del bronzo medio, mobili, utensili, gioielli in ossidiana, ecc.
Vicino alla Torre di Santa Maria, un museo dell’Istituto di Geologia e Vulcanologia ripercorre la storia geo-vulcanologica della formazione dell’isola.

Informazioni

Cartina

Come raggiungere Ustica

Ustica è facilmente raggiungibile via mare. I collegamenti marittimi sono diretti da Palermo, in 2 ore 30 con navi classici o 70 minuti in aliscafo (La Siremar offre traghetti o aliscafi ogni giorno; e Liberty Lines un aliscafo veloce tutti i giorni tranne il martedì). In estate l’isola può essere raggiunta anche tramite Ustica Lines, che opera la rotta Trapani-Favignana-Ustica-Napoli (e viceversa al ritorno) in aliscafo. Occorrono 4 ore per raggiungere Ustica da Napoli. La compagnia NGI offre anche collegamenti da Palermo in estate.

Siti esterni

Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

  • VulcanoVulcano
    Descrizione Vulcano (Vurcanu in siciliano) contava nel 2001 715 abitanti. Anticamente era …
  • Alberghi in RagusaAlberghi in Ragusa
    Alberghi a Ragusa in Sicilia, appartamenti, bed and breakfast e agriturismi, alloggi …
  • Naro, Palma, Ravanusa e CampobelloNaro, Palma, Ravanusa e Campobello
    Naro Nell’entroterra di Licata, Naro è un comune con un bellissimo patrimonio …
  • Escursioni sull’Etna e parcoEscursioni sull’Etna e parco
    Parco dell’Etna Attorno al cratere centrale dell’Etna, alto 3323 metri, si trovano …
  • Dintorni di MarsalaDintorni di Marsala
    Destinazioni siciliane più vicine a Marsala, con Trapani ed Erice a nord, …
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x