Giro della più grande isola del Mediterraneo

Visita di Messina

A causa del terribile terremoto del 1908, molte opere d’arte ed edifici costruiti a Messina nel corso dei secoli sono scomparse.
Ma la città conserva ancora diversi notevoli esempi monumentali.
L’intero centro storico è stato ricostruito dopo la tragedia, e poco a poco la città ha ritrovato una nuova vitalità cosmopolita, con popolazioni di varia origine.

Itinerario

Suggeriamo un percorso alla scoperta di Messina partendo da Piazza Duomo dove la cattedrale, consacrata nel 530, conserva una superba struttura in legno e uno splendido mosaico. Il suo campanile è decorato con statue originali e si distingue per il suo orologio astronomico, unico al mondo, che si anima ogni giorno grazie a complesse meccaniche creando un vero spettacolo. Nella piazza, la fontana di Orione è un capolavoro costruito nel XVI secolo.
Nei pressi di Piazza Duomo scopriamo le chiese della Santissima Annunziata dei Catalani, superbo esempio arabo-normanno e bizantino, e uno dei rari monumenti sopravvissuti alle devastazioni dei terremoti; e quella di Santa Maria degli Alemanni, raro esempio di gotico siciliano, fondata dai Cavalieri Teutonici nel XIII secolo.
Diversi edifici pubblici meritano una visita come il neoclassico Palazzo Zanca ; la galleria Vittorio Emanuele III con le sue vetrate tra cui la cupola ; il Teatro Vittorio Emanuele II, neoclassico della metà del XIX secolo ; o la Madonnina del Porto con il Forte San Salvatore. Il Museo Regionale conserva resti archeologici e prestigiosi dipinti (tra cui due di Caravaggio).

adsensefeed

Duomo di Messina

Duomo di Messina

Duomo di Messina (file source)

L’edificio più importante di Messina è senza dubbio la sua cattedrale, in piazza Duomo. Fu eretta sotto Giustiniano (VI d.C.), trasformata in moschea sotto l’occupazione musulmana, ricostruita sotto i Normanni di Ruggero I, e nuovamente consacrata nel 1197 alla presenza dell’imperatore Enrico VI.
La struttura originaria normanna è stata modificata nel corso dei secoli. Dopo un incendio fu gradualmente ricostruita nei XIV e XV secoli, ma fu rasa al suolo dal terremoto del 1908. La sua ricostruzione negli anni ’20 ne ha ripristinato la bellezza, recuperando alcune delle antiche opere.
Le finestre della facciata risalgono al XV secolo e il magnifico portale con i suoi intrecci e motivi è attribuito a Polidoro da Caravaggio. Alcune statue, mosaici e monumenti funerari sono notevoli, tra cui la tomba di Guidotto de Tabiatis, arcivescovo di Messina nel XIV secolo.
Notevoli sono i mosaici dell’abside, originariamente risalenti al XIV secolo. Vediamo Cristo circondato da evangelisti, santi, ecc. La navata centrale è coperta da una bellissima struttura in legno decorata.

Siti esterni : it.wikipedia.org

Torre e orologio astronomico

Il magnifico campanile astronomico di Messina misura 90 metri. È decorato su ogni piano con statue allegoriche di leoni, galli, santi, ecc. È il più grande orologio astronomico del mondo.
Grazie alla complessa meccanica installata nel 1933, gli automi in bronzo prendono vita ogni giorno a mezzogiorno, creando uno spettacolo di 12 minuti al suono dell’Ave Maria di Schubert.
I personaggi in azione rievocano scene della guerra dei Vespri Siciliani del 1282 (conflitto dei Siciliani contro gli occupanti angioini).
Il Leone in alto rappresenta il vittorioso popolo siciliano, vincitore di Carlo d’Angiò ; Dina e Clarenza sono le eroine di Messina che aiutarono gli uomini a difendere la città ; il gallo rappresenta l’esercito franco-papale.
Il planetario rappresenta il sistema solare. È sormontato dalla luna con le sue fasi. Ci sono due calendari, uno delle età, l’altro dei giorni della settimana (dove divinità pagane guidano un carro trainato da un animale).
Un angelo indica con una freccia il giorno, il mese e l’anno.

Siti esterni : it.wikipedia.org

Fontana di Orione

Di fronte al campanile della cattedrale, in piazza Duomo, la fontana di Orione fu costruita nel XVI secolo per celebrare la costruzione del primo acquedotto della città, commissionata dal comune al fiorentino Giovan Angelo Montorsoli, allievo di Michelangelo. È stata realizzata in marmo di Carrara.
Sul bacino dodecagonale si trovano le statue che rappresentano il Camaro, il Nilo, il Tevere e l’Ebro. In alto, Orione, il mitico fondatore della città, tiene uno scudo con lo stemma di Messina, con il suo cane Sirio ai suoi piedi. Sotto, i cherubini cavalcano i delfini.
Tritoni e naiadi sostengono i bacini centrali. Intorno al bacino inferiore sono scolpite scene delle metamorfosi di Ovidio.

Siti esterni : it.wikipedia.org

Altre fontane

fontana del nettuno messina

Fontana di Nettuno

In Piazza Unità d’Italia, la fontana di Nettuno fu scolpita da Montorsoli, completata nel 1557, dove vediamo il dio Nettuno, uscendo dal mare, brandendo il suo tridente e guidando i mostri marini incatenati Cariddi e Scilla, guardie di ogni lato dello Stretto di Messina. Cariddi era una ninfa vorace che viveva nelle acque di Capo Peloro, punita da Giove per aver rubato i buoi di Ercole, mentre Scilla era una bellissima ninfa, di cui si era innamorato il figlio di Nettuno, Glauco. Ma è stata trasformata in un mostro perché rifiutò il suo amore.

La fontana Falconieri in Via Sant’Agostino, del 1842, è una grande fontana ottagonale, al centro della quale si trovano quattro mostri marini con teste di uomini, delfini, grifoni e leoni.

Delle quattro fontane che un tempo ornavano l’angolo tra Via Cardines e Via I Settembre, costruite nel XVIII secolo, ne rimangono due, mentre le altre due sono conservate nel Museo regionale. Hanno una vasca circolare con tritoni e mostri marini e sopra lo stemma imperiale spagnolo e quello della città di Messina.

Siti esterni : it.wikipedia.org

Chiese notevoli del centro

Annunziata dei Catalani

Alle spalle della cattedrale, questa bella chiesa, la Santissima Annunziata dei Catalani, era originariamente inserita in una fortezza, costruita nei XII e XIII secoli, sulle rovine di un tempio di Nettuno. Prima cappella reale degli Aragonesi, fu venduta nel XV secolo a mercanti catalani.
È di grande interesse per la città e un raro edificio sopravvissuto al dramma del 1908, con la sua architettura che mescola elementi normanni, bizantini, arabi e tardo romanici. Ha tre navate e una cupola centrale.

Santa Maria Alemanna

Dopo la chiesa precedente, Santa Maria Alemanna è uno degli edifici religiosi più interessanti di Messina.
Fu fondata nel XIII secolo dai Cavalieri Teutonici, il cui ordine fu insediato a Messina da Federico II di Svevia.
È anche uno dei rari esempi di architettura gotica in Sicilia. Notevoli le decorazioni dei capitelli medievali, con motivi floreali, figure antropomorfe e mostruose.

Altre chiese

san-francesco-d-assisi-all-immacolata

San Francesco d’Assisi all’Immacolata

Uno degli edifici religiosi più antichi di Messina, la Chiesa gotica di San Francesco d’Assisi fu costruita nel XIII secolo sotto gli Angioini. È stata la prima chiesa francescana in Sicilia e conserva la tomba di Federico III d’Aragona. Solo le absidi furono risparmiate dal terremoto del 1908. Fu ricostruita negli anni ’20 rispettando le originali linee semplici e maestose, recuperando alcuni elementi antichi come il rosone.

Il Monastero Montevergine con la Chiesa Santa Eustochia costruita nel 1453 che conserva il corpo del Santo.

Il Monte di Pietà costruito nel 1616, gravemente danneggiato dal terremoto, conserva parte della facciata di una antica chiesa.

San Giovanni di Malta, le cui origini risalgono al VI secolo d.C., fu ricostruita nel XVI secolo da un allievo di Michelangelo, Giacomo Del Duca. Era la sede dell’Ordine di Malta. Ci si trova anche il museo San Placido con il tesoro della Cappella Palatina.

La Basilica Sant’Antonio da Padova è stata costruita in uno stile eclettico negli anni ’20. Il suo museo di Sant’Annibale Maria di Francia conserva le reliquie del santo di Messina e oggetti provenienti dal poverissimo quartiere Avignone.

Santuario di Cristo Re

Santuario di Cristo Re

Il santuario di Cristo Re è una chiesa barocca edificata nel XX secolo sui resti di un’antica fortezza di origine arabo-normanna, il castello di Matagrifone, che fu anche residenza reale, e di cui sorge una torre ottagonale ai piedi del santuario. Porta una grande campana di 2,80 metri fusa con i cannoni nemici rubati durante la prima guerra mondiale. È la terza campana più grande d’Italia, e al tramonto in ricordo dei morti di tutte le guerre.
Qui si gode di una vista sullo Stretto di Messina e sulla città.

Siti esterni : Annunziata dei Catalani, Santa Maria Alemanna, San Francesco all’Immacolata, Sacrario di Cristo Re

Altri luoghi

Il Palazzo Zanca, con il suo stile neoclassico, è oggi la sede del municipio di Messina. Sulla facciata sono scolpiti eventi e miti legati alla città, tra cui la regina del Peloro nel timpano, con un tridente, simbolo di una città  commerciale fiorente. I rilievi rappresentano Dina e Clarenza, eroine della città durante i Vespri Siciliani, che resistevano all’assedio di Messina da parte di Carlo I d’Angiò.

Il Monte di Pietà è un palazzo del XVIII secolo con una bella scalinata nel cortile, che conduce al resto della Chiesa di Santa Maria della Pietà (XVIII secolo).

La Galleria Vittorio Emanuele III è una galleria commerciale coperta con una vetrata e una cupola in vetro e ferro, l’unica dell’Italia meridionale insieme a quella di Napoli, costruita tra il 1924 e il 1929.

Il teatro Vittorio Emanuele II è uno dei più importanti teatri siciliani, con la maggiore capienza dell’isola, costruito in architettura neoclassica dal napoletano Pietro Valente ed inaugurato nel 1852. La facciata è dominata da un gruppo di marmi che rappresenta il “tempo alla scoperta della verità”. La volta interna è decorata con storie tratte dal mito di Colapesce (oltre 130 mq, di Renato Guttuso).

Madonnina del porto

Madonnina del porto

La Madonnina del Porto è una statua che accoglie e benedice le navi all’ingresso del porto di Messina, su una torre alta 35 metri, 60 con la base, inaugurata nel 1934. In alto, un globo di diametro 2,60 metri sostiene la statua della Madonnina alta 7 metri, in bronzo dorato.
Poggia sul bastione dell’antico Forte San Salvatore (visitabile), primo convento basiliano fondato nel 1086 dal conte Ruggero, trasformato nel XVI secolo in fortezza dagli spagnoli.
Sulla base è incisa la frase latina “Vos et ipsam civitatem benedicimus” (benediciamo voi e la vostra città).

Il Museo Regionale di Messina (MuMe), conserva circa 750 capolavori in più sezioni: archeologica, medievale e moderna, tra cui opere di Antonello da Messina (XV secolo) e due tele del Caravaggio: la resurrezione di Lazzaro (1609) e l’Adorazione dei pastori (1609).

Il giardino botanico (Orto botanico Universitario) si estende per 8000 metri quadrati, con una vegetazione lussureggiante dove crescono specie esotiche, tropicali e subtropicali senza protezione contro gli inverni miti.

Fuori dal centro

Santa Maria della Valle

Sulle alture di Messina, a 5 km dal centro, la chiesa di Santa Maria della Valle, detta Badiazza, fu edificata tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo e situata in una conca ai piedi delle colline di San Rizzo e dei monti Pelonitari. Vi si celebrarono le nozze di Federico III d’Aragona ed Eleonora d’Angiò.

Capo Peloro

A nord di Messina, si trova una fondazione (Horcynus Orca) con sede a Torre Faro, – una fortezza del XIX secolo -, al termine della riserva naturale del Capo Peloro, che offre un museo di arte contemporanea e un itinerario archeologico sul sito dell’antico faro romano. Questo capo controlla l’ingresso allo Stretto di Messina.

Forte Cavalli

A 10 km a sud di Messina, il forte ospita il “Museo Storico della Fortificazione dello Stretto di Messina”. Questo forte costruito intorno all’inizio del XX secolo faceva parte del sistema di 22 stazioni che proteggevano lo stretto da eventuali sbarchi (in particolare da parte dei francesi impegnati in una campagna coloniale in Tunisia).

Monti Peloritani

Questa catena montuosa nel nord-est della Sicilia, tra la valle di Mili e la valle di Rometta, offre bellissimi sentieri che erano molto più frequentati in passato, attraversando borghi abbandonati, miniere di carbone, ecc.
A una ventina di chilometri dalla strada, si raggiunge il monte Antenamare con il santuario della Madonna di Camaro (o Madonnuzza) costruito nel 1911, vicino all’antica foresta di Camaro.
Il panorama si estende sui due mari, la penisola italiana e l’Etna. Il sito è anche un punto di osservazione per ammirare il passaggio di uccelli migratori (leggi l’articolo sui monti peloritani).

Galleria

Informazioni

Siti esterni

Articoli su Messina

  • MessinaMessina
    Messina si trova all’estremità nord-orientale della Sicilia, a pochi chilometri dall’Italia continentale. Pur avendo subito ...
  • Alberghi in MessinaAlberghi in Messina
    Hotel e alloggi a Messina in Sicilia. Bed and breakfast e appartamenti.
  • Nei dintorni di MessinaNei dintorni di Messina
    Nei dintorni di Messina, i monti Peloritani si estendono tra le due rive della ...
  • Monti PeloritaniMonti Peloritani
    La catena montuosa dei monti Peloritani si estende a nord-est della Sicilia, per quasi ...
  • Dintorni di MessinaDintorni di Messina
    Destinazioni siciliane più vicine a Messina, con le Isole Eolie al largo, Tindari a ...
Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

  • Alberghi in ComisoAlberghi in Comiso
    Alberghi a Comiso, vicino a Ragusa in Sicilia. Alloggio, appartamenti, agriturismi e …
  • Musei di Catania
    Elenco dei principali musei di Catania, inclusi palazzi, siti religiosi e archeologici. …
  • Visita di Ragusa IblaVisita di Ragusa Ibla
    Ragusa Ibla è il quartiere della città che fu maggioramente curato durante …
  • EriceErice
    Erice è una città medievale e turistica di circa 29.000 abitanti, dominando …
  • Circumetnea, la ferrovia dell’EtnaCircumetnea, la ferrovia dell’Etna
    La Circumetnea è l’occasione di una scoperta originale della regione dell’Etna in …
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x