Giro della più grande isola del Mediterraneo

Mineo, Vizzini, Grammichele e Licodia Eubea

Vizzini

Scoperta di quattro borghi e piccole città ad est di Caltagirone, nella regione del Calatino, ognuno con le sue particolarità: da Grammichele e Occhiolà (15 km ad est), con il suo piano urbano in esagono, al borgo medievale di Mineo (25 km ad est) e i suoi siti archeologici, passando per Licodia Eubea (25 km sud-est) e Vizzini (30 km sud-est).

Grammichele ed Occhiolà

Qualche settimana dopo il terribile terremoto del 1693 che distrusse la città di Occhiolà, il principe di Butera Carlo Maria Carafa prese l’iniziativa della costruzione di Grammichele, nelle vicinanze in uno dei suoi feudi.
Il cuore della città è la splendida piazza esagonale (exagonum), esempio architettonico originale progettato da Michele da Ferla, uno dei due unici esempi di questa architettura razionale in Italia, con un tessuto urbano che mantiene una forma esagonale.
Nella piazza centrale, la Piazza Carlo Maria Carafa, si erge l’elegante facciata barocca della Chiesa Madre San Michele. Nel centro della piazza la statua monumentale in bronzo dell’artista turco Murat Cura è parte di una grande meridiana. Vi si trova anche una statua in bronzo del principe di Butera, di Paolo Guarrera.
Il Palazzo Municipale, risalente alla fine del XIX secolo, ospita un piccolo museo archeologico.

adsensefeed

Parco archeologico di Occhiolà

Questo sito archeologico di Terravecchia, 4 km a nord-ovest di Grammichele, si estende su tre colline, tra cui le rovine dell’antico borgo medievale di Occhiolà raso al suolo dal terremoto del 1693. Vi si trovano i resti del castello, di chiese e di case.
L’uomo occupa il luogo almeno dall’epoca degli Siculi. Così si sono ritrovati i resti di un insediamento greco con la sua acropoli, forse la colonia di Eketla citata da Diodoro di Sicilia. I reperti archeologici sono conservati nel Museo Civico di Grammichele e nel Museo Archeologico Paolo Orsi di Siracusa.

Mineo e Palikè

mineo-piazza-ex-collegio

Ex colleggio

Il grazioso borgo medievale di Mineo si trova a nord dei monti Iblei. La città di Menai fu una città sicula, divenuta greca e poi romana. Vi si trovano sezioni di mura del VI secolo a.C. nei pressi del castello Ducezio e resti di una ninfea ellenistica a Porta Udienza.

Uno degli edifici emblematici di Mineo è la biblioteca-museo Luigi Capuana, dedicata al celebre intellettuale siciliano.
I monumenti più notevoli comprendono la chiesa San Tommaso, con la sua facciata settecentesca, i suoi stucchi e, tra gli altri, una deposizione realizzata da Filippo Paladino del XVII secolo.
La collegiata Sant’Agrippina è un monumento maestoso del XVIII secolo, le cui origini datano dal III secolo della nostra era. Il suo interno conserva stucchi del XVIII secolo, scene dell’Antico Testamento, un bel presepe del XVIII secolo, statue e una cripta di origine medievale.
La chiesa San Pietro, anch’essa ricostruita nel XVIII secolo con la sua facciata concava, conserva una pala d’altare seicentesca raffigurante la Flagellazione di Cristo e una statua in oro di Santa Lucia (XVIII secolo).
La chiesa Santa Maria Maggiore conserva in particolare una tela seicentesca raffigurante San Pietro, una statua quattrocentesca raffigurante la regina degli angeli, un maestoso altare in marmo policromo.

Palikè

A 14 km a nord di Mineo, 7 km a ovest di Palagonia, il sito di Palikè è quello di una città fondata nel 453 a.C.da Doucezio, capo dei Siculi (secondo i racconti di Diodoro di Sicilia) che riunì le tribù del popolo intorno a lui per allearsi contro Siracusa. Fu fondata in prossimità di un importante santuario siculo dedicato agli dei gemelli Palici (figli di Zeus e della ninfa Talea), su una roccia basaltica chiamato Rocchicella, che l’uomo occupava fin dalla preistoria.
Il culto dei gemelli Palici era legato alla vicinanza dei laghi di Naftia, dove i getti d’acqua erano provocati da emissioni di anidride carbonica.
Questa città di Palikè sembra aver avuto la vita breve, distrutta verso il 440 a.C. dagli Siracusani, dopo il fallimento del tentativo politico di Ducezio, morto di malattia in quello stesso anno.
Durante la rivolta degli schiavi intorno all’anno 104 a.C. (seconda guerra servile), il capo degli insorti Trifone e i suoi uomini si rifugiarono nel santuario.

La città di Paliké dell’epoca di Ducezio è formata da un insieme di terrazze, con un hestiatorion sulla più alta (dove si tenevano i banchetti), e dei portici.
Un piccolo museo è anche installato dal 2006.
Gli scavi recenti hanno rivelato diverse epoche di occupazione, dal paleolitico e dal Mesolitico (strumenti in selce, ossa di animali) fino all’epoca romana, passando per il neolitico (VI-V millennio a.C.), tra cui una capanna di circa 2000 a.C. con una parte del muro di cinta.
Le tombe artificiali della grotta e delle sue pareti sono della fine dell’età del bronzo (XIII-XI secolo a.C.), e le più antiche mura legate al santuario sembrano essere del VII-VI secolo a.C.

Dintorni

Il castello rupestre della Grotta di Sant’Agrippina (5 km al NE di Mineo), vicino al torrente della Lamia, presenta le caratteristiche di un sito fortificato, utilizzato come santuario rurale dedicato al santo patrono di Mineo.

Sul monte Catalfaro (7 km nel NE di Mineo), nei pressi di un torrente omonimo si trovano resti del età preistorica fino al medioevo, tra due colline e le rovine di un castello medievale.

Le grotte di Caratabia (5 km al SE di Mineo) sono state decorate verso la metà del V secolo a.C. all’epoca di Ducezio, con scene di caccia al cinghiale di quell’epoca, e due grotte sono probabilmente camere funerarie.

A nord, i resti della fortezza Mongialino (23 km a NO), chiamato anche castello di Montalone, sono probabilmente di origine normanna. Poco più a sud, a Piano Casazze nella Valle del Mongialino, rimane una parte di un muro di una città greca dimenticata in mezzo ai campi e ad altre vestigia.

Da segnalare la necropoli di Mulino Badia, risalente al X secolo a.C., presso il santuario della Madona del Piano (2 km a nord di Grammichele).

mineo-castello-di-serravalle

Castello di Serravalle

I laghi Naftia (1 km a sud di Palikè) che sono di origine vulcanica servono oggi all’irrigazione, e una cupola recupera l’anidride carbonica. Era un luogo sacro fin dalla preistoria, con geyser, acque sulfuree, emanazioni di gas tossici, se non mortali. Era legato al culto degli dei Palici, gemelli nati da Giove e dalla ninfa Talia, con un importante santuario siculo nelle vicinanze.

Il castello di Serravalle (non lontano da Palinké, a 16 km a nord di Mineo), domina una roccia dai suoi resti di una fortezza del XIII secolo, modificata nel XIX secolo.

Al Piano Camuti, a sud di Mineo, furono ritrovati i resti di un villaggio preistorico che va dall’età del bronzo antico alla cultura di Castelluccio (2000-1400 a.C.), con una necropoli.

Vizzini

VizziniVizzini è un piccolo paese dei monti Iblei, sulle pendici nord-ovest del monte Lauro. Potrebbe essere collegata alla città romana di Bidis, citata da Plinio e Cicerone.
Si sviluppò nel medioevo attorno ad un castello scomparso, di cui rimane la terrazza che domina il centro storico.
Il suo centro è interessante con i suoi vicoli tracciati nel medioevo affiancati da edifici del XVIII secolo, e in particolare una bella scala in maiolica. L’imponente cattedrale, San Gregorio Magno, conserva un bellissimo portale sulla facciata sinistra in stile gotico-catalano del XV secolo. Fu costruita sulle rovine dell’antico palazzo municipale e di un monastero benedettino, distrutti dal terremoto del 1693. L’interno è decorato con stucchi della fine del XVIII secolo e conserva interessanti tele del XVI e XVII secolo.
La vicina chiesa Sant’Agata fu ricostruita nel XVIII secolo. Tra le altre chiese barocche della città, Santa Maria di Gesù conserva una Madonna col Bambino attribuita ad Antonello Gagini, e la chiesa San Giovanni si nota con altari rococò, ecc.

Licodia Eubea

Il villaggio di Licodia Eubea è costruito su due colline a strapiombo della valle del fiume Dirillo, su un sito che fu occupato da greci e romani e che era forse la colonia “Eubea” fondata dai Caledoniani di Lentini nel 650 a.C.
Il suo castello risale al Medioevo, e il suo feudo passò nelle mani di grandi famiglie come i Filangeri, i Santapau ed i Ruffo.

Nel centro storico si trovano i resti del castello, così come chiese e palazzi che risalgono essenzialmente al XVIII secolo.
Resta solo una parte di una torre e delle mura del castello Santapau, distrutto dal terremoto del 1693, e da dove si gode di un bel panorama.
I principali edifici costeggiano Corso Umberto I che attraversa il centro. Conduce in Piazza Vittorio Emanuele, ai piedi del castello e dove si erge la Cattedrale di Santa Margherita, con la sua facciata barocca e il suo bel campanile. Nelle vicinanze, il palazzo Mugnos è decorato con bei balconi decorati con maschere barocche. In Piazza Garibaldi, il municipio che occupa un antico monastero domenicano confina con la chiesa del Rosario del XVIII secolo. Il museo municipale conserva reperti archeologici del territorio della città.

Nei dintorni si trovano numerose grotte e necropoli, tra cui, ad esempio, sul fianco sud una necropoli greca (Necropoli Greca di Vigna della Signora ).

Il sito più interessante è la Grotta dei Santi, un sito rupestre vicino a Monterosso Almo (6 km), dove sono conservati diversi tipi di tombe e un affresco del XI-XII secolo di una Crocifissione.

Informazioni

Categoria Caltagirone

Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

  • Visita e foto di TaorminaVisita e foto di Taormina
    Visita di Taormina attraverso i principali siti della città. Di seguito sono …
  • LampedusaLampedusa
    L’isola di Lampedusa, amministrativamente collegata alla provincia di Agrigento dalla quale è …
  • I vini ed i vigneti in SiciliaI vini ed i vigneti in Sicilia
    In Sicilia, la cultura della vite è molto antica, il suo vino …
  • Filicudi
    Filicudi era un tempo chiamata Phoenicusa (ricca di felci). Come l’isola di …
  • Galleria d’Arte ModernaGalleria d’Arte Moderna
    La Galleria d’Arte Moderna di Palermo (GAM), situata nello storico quartiere Kalsa, …
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x