Giro della più grande isola del Mediterraneo

Museo archeologico Paolo Orsi di Siracusa

Il Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi di Siracusa è uno dei più grandi musei di questo tipo in Europa.
Le collezioni vanno dalla preistoria all’era greco-romana, e da qualche anno una sezione è dedicata all’epoca cristiana e bizantina. Riunisce resti della città e di altri siti in Sicilia, tra cui molti vasi greci e statuette votive.
La sistemazione è educativa e ben fatta, con numerose descrizioni, mappe, spiegazioni, diagrammi e plastichi.

Settori del museo

Il settore A è dedicato alla preistoria (paleolitico – età del ferro), con una raccolta di rocce e fossili di animali quaternari, tra cui due elefanti nani che vivevano nella regione all’epoca.

syracuse_musee_archeologique456

Statua votiva (da Grammichele, fine VI – inizio V a.C)

Il settore B è dedicato alle colonie greche della Sicilia, all’epoca ionica e dorica, compresa la colonia dorica di Megara Hyblaea. Vi sono conservate molte statue, oltre a vasi, rilievi, come ad esempio le statue di Kouroi di Lentini (statue maschili), del V secolo prima della nostra era.

Il settore C conserva le reliquie delle colonie dipendenti da Siracusa: Akrai (fondata nel 664 a.C.), Kasmenai (644 a.C.), Camarina (598 a.C.), Eloro; ma anche altre città-stato della Sicilia come Gela e Agrigento. Comprende oggetti funerari e caratteristiche ceramiche con figure nere e rosse.

Il settore D presenta resti di epoca ellenistica e romana, con statue, ceramiche o elementi architettonici. Sono presenti i pezzi più famosi del museo, come la Venere Anadiomena, la Venus Landolina trovata nella zona dal museo, e il sarcofago di Adelfia, oltre a busti, urne funerarie.

siracusa-tetradracma

Tetradracma

Il settore N espone una ricca selezione di monete antiche.

Il settore F, aperto nel 2014, è dedicato all’archeologia cristiana e bizantina, con sarcofagi, tra cui la ricostruzione della Rotonda di Adelfia con il sarcofago in marmo bianco rinvenuto nelle catacombe, scolpito con scene dell’Antico e del Nuovo Testamento.
L’importante epigrafe di Euskia dell’inizio del V secolo d.C. attesta l’esistenza di un culto dedicato a Lucia, protettrice di Siracusa.

syracuse_musee_archeologique442

Cavaliere (Kamarina, VI secolo a.C)

adsensefeed

Cartina

Informazioni

Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi
Viale Teocrito, 66 – 96100 Siracusa

Orari e biglietti

  • Aperto dal martedi al sabato, dalle ore 9.00 alle 19.00, e la domenica dalle 9.00 alle 13.30
    Chiuso i lunedi
  • Biglietto pieno : 8,00 € / Ridotto (18-25 anni dall’UE) : 4,00 €
    Gratuito sotto 18 anni dell’UE
  • Biglietti cumulativi
    Parco Neapolis et museo Paolo Orsi 13,50 € – ridotto 7,00 €
    Galleria Bellomo et museo Paolo Orsi 12,00 € – ridotto 6,00 €

Siti esterni

Galleria

Settore A – Preistoria

Settore B – Colonie greche e Siracusa

Settore C – Colonie e città greche

Settore D – Siracusa greco-romana

Categoria Siracusa

Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

  • Favignana
    Favignana è l’isola più importante dell’arcipelago delle Egadi con i suoi 19 …
  • Dintorni di SiracusaDintorni di Siracusa
    Destinazioni siciliane più vicine a Siracusa, con Noto 40 km a sud …
  • Giardino della Kolymbethra
    Il giardino della Kolymbethra si trova nel cuore della Valle dei Templi, …
  • Scala dei Turchi
    La Scala dei Turchi è una parete rocciosa, una falesia, che domina …
  • Piana degli AlbanesiPiana degli Albanesi
    Come altri villaggi siciliani, tra cui Palazzo Adriano, Piana degli Albanesi ha …
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x