Giro della più grande isola del Mediterraneo

Gela

tetradrachme-gela-revers

Gela, sull’omonimo golfo, è oggi un’importante città industriale siciliana grazie al suo sito petrolchimico, il più vasto d’Europa. Più recentemente, essa ha conosciuto uno sviluppo agricolo con zone di coltivazione in serra lungo il litorale verso sud.
Questo sviluppo si è fatto a scapito del turismo oggi quasi inesistente, avendo degradato il patrimonio naturale, tra cui le belle spiagge del golfo, con pochi siti storici, oltre ad alcune vestigia greche (anzitutto con le mura greche di Timoleone, poi l’acropoli con il museo) e le chiese del centro storico.

Era tuttavia un’importante città greca, fondata verso il 689 a.C., dai coloni venuti da Rodi e dalla Creta, diventata una delle più potenti città-stato della Magna Grecia intorno ai VI e V secoli a.C., e che fu in particolare all’origine di Akragas più ad ovest (Agrigento).

tetradrachme-gela-revers

Tetradracma di argento, verso

Gran parte delle pietre della città antica sono state usate per costruire la città nel Medioevo, vedendo scomparire i templi e le vaste fortificazioni.

A causa della sua storia antica, la città è oggi un’importante area di studi archeologici, con tre siti principali: l’Acropoli, il Capo Soprano e il Bosco Littorio; così come le terme ellenistiche che sono le più antiche d’Italia. Nuove vestigia sono regolarmente scoperti un po’ ovunque nel suo territorio.

adsensefeed

Visita

Il centro storico possiede alcuni edifici interessanti, tra cui la Chiesa Madre neoclassica in Piazza Umberto I, l’antico monastero, la chiesa di San Agostino nell’omonima piazza, la chiesa di San Francesco di Paola e il teatro Eschilo tra queste due ultime.
In Piazza Roma, la chiesa del Carmine conserva un prezioso crocifisso ligneo del XV secolo. La chiesa del convento dei cappuccini, del XV secolo, fu ricostruita nel XX.
Ricordiamo anche il successo dello stile liberty che nel corso del XX secolo decorò numerosi palazzi di Gela.
Il cimitero monumentale della città ha bellissime cappelle di vari stili: neoclassico, barocco, gotico e liberty.
Passeggiando per il centro si possono anche scoprire antiche mura difensive e resti del periodo medievale di Federico II.

Siti archeologici

dilitron-or-gela-revers

Dilitron in auro, verso

Le vestigia archeologiche si vedono in tre siti principali: l’Acropoli, il Capo Soprano e il Bosco Littorio; così come le terme ellenistiche, le più antiche di questo genere in Italia.

A Capo Soprano, ad ovest del centro cittadino, si ritrovano i resti dell’architettura difensiva meglio conservati del mondo greco, con 400 metri di fortificazioni del IV secolo a.C. la base di una torre, scale, canali o contrafforti. I materiali impiegati, blocchi di calcare e mattoni di argilla cruda hanno permesso una conservazione eccezionale di questa recinta.
Si possono anche scoprire nel parco dei forni medievali, le rovine di un campo militare e quelle di abitazioni del IV secolo a.C.

dilitron-or-gela-avers

Dilitron in auro, dritto

A 600 metri a est del parco, le terme ellenistiche sono le più antiche d’Italia, con le sue 40 piscine e il sistema di riscaldamento e idraulico, risalente al IV secolo a.C.

Dall’altra parte di Gela, ad est, si trova l’antica acropoli, i cui scavi rivelano solo una piccola parte della città arcaica, tra la foce del Gela e la valle del Pasqualello.
Il nord dell’Acropoli corrisponde all’antica zona sacra, dove rimangono le basi di tre templi. Dal più vasto tempio, dedicato ad Atene (o Tempio C), una colonna dorica alta quasi 8 metri fu raddrizzata.
Un circuito permette di scoprire anche resti di abitazioni, negozi, strade e muri.
Vicino all’acropoli, il museo archeologico regionale possiede numerose vestigia, fin dalla preistoria e dall’epoca greca, tra cui il carico di tre navi greche affondate nel V secolo a.C., utensili, ceramiche, gorgone, più di 1000 monete, ecc.

A sud dell’acropoli, nel Bosco Littorio, si trovava l’Emporium greco arcaico (VII-VI a.C.) il porto, e nelle vicinanze la città del porto con le sue botteghe e magazzini.

Sono presenti numerosi reperti antichi in Gela, che interessano in primo luogo storici e archeologi, tra cui un Tesmophorion; quartieri residenziali; le necropoli di Piano Notaro e di Manfria; il santuario di via Istria, ecc.
Recentemente, le fondamenta di due templi greci sono stati trovati vicino alla cripta della Chiesa Madre e in via Istria.
Un altro relitto è stato trovato nel 2009, così come un sito archeologico sottomarino di fronte alla costa del quartiere di Bulala e altre scoperte vicino alle coste di Montelungo, una villa ellenistica sul promontorio di Capo Soprano, una necropoli greco-arcaica Piazza Cappuccini.

Nelle vicinanze si trovano numerose necropoli della cultura di Castelluccio, oltre a siti dell’età del rame.

Un museo della navigazione antica è in costruzione, dove saranno esposte le navi greche.

Dintorni

Di recente è stata inaugurata una riserva naturale lungo il lago Biviere di Gela, a una decina di chilometri a est di Gela. È un luogo di passaggio di numerosi uccelli migratori, tra cui anatre o aironi di varie specie.

10 km a nord di Gela, i resti del castello svevo, chiamato “Castelluccio”, dominano la costa dall’alto della sua collina. Monumento quadrato fiancheggiato da due torri, risalirebbe almeno al XII secolo. Nel 1143 il conte Simone di Butera ne fece donò all’abate del monastero di San Nicolò l’Arena di Catania.

A 10 km a ovest, si trovano delle belle spiagge sul lato di Manfria con la sua torre di guardia del XVII secolo.

Storia di Gela

tetras-bronze-gela-avers

Tetras di bronzo, dritto

Il periodo più fastoso della storia di Gela era il periodo greco, qualche tempo dopo la sua fondazione “ufficiale” nel 689 prima della nostra era dai colonizzatori venuti da Rodi e dalla Creta. Secondo Tucidide, il sito era già occupato in precedenza da coloni di Rodi, chiamato Lindioi.
La città fu all’origine della fondazione di Akragas (Agrigento), sulla costa più a ovest.
Negli anni 480 a.C. Gela e Siracusa erano in guerra contro i Cartaginesi, che sconfissero nella battaglia di Imera.
Nel 406 a.C. i Carthagini conquistarono Agrigento e rasero al suolo Gela, i cui abitanti fuggirono verso Siracusa. La città fu ricostruita nel 397 a.C. e fu di nuovo distrutta nel 311, poi definitivamente nel 282 dal tiranno di Agrigento Finzia, che deportò gli abitanti a Finziade (Licata).

tetras-bronze-gela-revers

Tetras di bronzo, verso

Ridotto allo stato di villaggio all’epoca dei romani che lo designarono Massa Gela, gli arabi lo chiamarono più tardi Colonnario (la Città delle Colonne) e la rinominarono più tardi Eraclea. 7 km a nord fu costruita nel XII secolo la fortezza chiamata oggi Castelluccio.
Dal 1233 Federico II di Svevia sviluppò e fortificò la città, chiamandola Terranova di Sicilia.

Nel 1799, la città conobbe una rivolta popolare in cui dei nobili furono giustiziati dagli abitanti.
Nel 1927 la città ha ritrovato il suo nome d’origine, Gela, in ricordo del suo passato.
Lo sbarco alleato avvenne sulla sua costa nel luglio 1943.

In seguito, la città si industrializzò sostanzialmente, distruggendo gran parte dell’ambiente naturale.

Informazioni

Articoli nella categoria Caltagirone

Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x