Giro della più grande isola del Mediterraneo

Piana degli Albanesi

Come altri villaggi siciliani, tra cui Palazzo Adriano, Piana degli Albanesi ha una vasta comunità di origine albanese, arrivata da molti secoli in Sicilia (la grande immigrazione avvenne intorno al XV secolo, per fuggire dall’avanzata dei Turchi).

Tuttavia, Piana è l’unico villaggio di cui gli albanesi di origine costituiscono quasi tutti gli abitanti.
Inoltre, se andate lì, sarete sorpresi dal pronunciato accento slavo degli abitanti, avendo mantenuto la lingua, oltre alle tradizioni ortodosse.
Oltre a questa particolarità, Piana ha una ricchezza ineguagliabile: la fonduta con formaggio al tartufo (Fondu al tartufo), che può essere gustata in vari modi, anche in un semplice panino. Indimenticabile!
Sempre in dubbio la gastronomia, i suoi canoli, una tipica pasticceria siciliana farcita con ricotta, attirano anche molti siciliani della regione.

Pochi chilometri ad ovest, il memoriale di Porta della Ginestra ricorda il massacro del 1º maggio 1946, e nel comune di San Cipirello, i resti dell’antica città di Laitas dominano il Monte Iato.

adsensefeed

Sulla mappa

Centro di Piana degli Albanesi

Il paese conserva un patrimonio storico e artistico, molte chiese decorate con opere ortodosse, la cattedrale di San Demetrio la cui origine bizantina risale al VI secolo, la chiesa di San Nicola con le sue icone sacre, o Maria Santissima del XVII secolo. Si scoprono anche palazzi dell’epoca barocca e fontane.

Dintorni

Una montagna domina il paese con la Riserva Naturale Serre della Pizzuta, le cui grotte formatesi all’epoca Mediozoica di Zubbione e Garrone, con stalattiti, stalagmiti e laghetti. Nel quartiere di Sant’Agata dove sorgeva un antico villaggio chiamato Pirama è stata scoperta una necropoli paleocristiana.
Il lago artificiale di Piana degli Albanesi è una riserva naturale gestita dal WWF.

Memoriale di Porta della Ginestra

A 4 km a ovest di Piana, il memoriale di Portella della Ginestra con le sue grandi pietre incise commemora un violento episodio della storia politica e criminale della Repubblica italiana, con un massacro che ha avuto luogo qui il 1º maggio 1947, dove 3000 contadini si erano riuniti durante la festa del lavoro. Una sparatoria causò 11 morti e 27 feriti gravi. Perpetrato da una banda criminale e mafiosa diretta da Salvatore Giuliano, i motivi e le intenzioni reali sono sempre oggetto di controversia, classificato tra i segreti di Stato italiani.

Parco archeologico di Laitas

In cima al monte Jato (o monte Lato, 852 metri), il sito archeologico dell’antica città di Laitas occupa un posto molto bello che domina la valle del Iato, nel comune di San Cipirello.

Storia

Mentre i dintorni erano occupati dal neolitico, le testimonianze di un primo villaggio risalgono all’VIII sec. a.C., probabilmente molto più antico e abitato dagli Elimi.
Si trova su una delle strade meno accidentate che collegavano Panormos a Selinunte.

bronze-laetia-revers

Verso di un bronzo

L’archeologia ha rivelato ceramiche greche a partire dal VI secolo a.C. e l’introduzione del culto di Afrodite. In questo periodo la città conobbe i suoi principali allestimenti, con un teatro, dei templi, l’agorà e dei quartieri residenziali.

Di cultura punica e più o meno sottomessa a Cartagine nel IV secolo avanti la nostra era come la parte occidentale della Sicilia, Diodoro menziona che fu attaccata da Pirro I verso il 275 a.C. e poi si consegnò ai romani nella prima guerra punica (264-241 a.C.).
Si sa che in seguito fu occupata dagli arabi, ma che sotto Federico II di Svevia (dopo l’occupazione normanna) la città si ribellò, durante il conflitto tra il nuovo regime svevo e le popolazioni musulmane di Sicilia. Federico II la distrusse e deportò gli abitanti a Lucera in Puglia.

Parco archeologico e museo

L’area urbana occupava circa 40 ettari, protetta su tre lati da ripide pareti e da un muro lato sud-est, probabilmente costruito all’inizio del III secolo a.C.
Le vestigia sono essenzialmente del periodo greco.

Sul lato sud, l’agorà era circondata da portici circondati da vari edifici pubblici, e dove furono installate abitazioni in epoca imperiale.
A ovest si trovano i resti di un tempio italico su un podio dedicato a Giove, e a sud-ovest un santuario punico e un piccolo tempio dell’era classica.
Un Bouleuterion si trova a nord, e ad ovest un altro più recente di forma quadrata.

A nord-ovest dell’agora, a fianco della montagna, il teatro del I secolo a.C. aveva una capacità di circa 4500 persone, una scena ornata di quattro statue legate al culto di Dioniso e oggi conservate all’Antiquarium.
Ad ovest si trova il tempio di Afrodite, costruito nel VI secolo a.C., rinnovato nel IV secolo. Nelle vicinanze si trovano due importanti case a peristilio.

Ai piedi del sito archeologico, l’Antiquarium, museo municipale delle case di Alia, conserva i reperti del sito archeologico, oltre a fotografie, disegni e ricostruzioni.
Conserva quattro statue in calcare che si trovavano sul palcoscenico del teatro, alte due metri con le braccia alzate a sostegno di un architrave: due menadi (con la corona di edera sulla testa) e satiri (uomini con le orecchie del cavallo). Ci sono anche due leoni accovacciati che decoravano la base della cavea, ecc.
Alcuni oggetti provengono dal tempio di Afrodite, e per il resto sono vasi votivi, ceramiche, capitelli, coppe, anfore, o ancora ceramiche medievali.

Informazioni

Siti esterni

Dintorni di Palermo

  • PalermoPalermo
    Da tempo immemorabile al crocevia di civiltà, tra Oriente e Occidente, Africa ...
  • MonrealeMonreale
    La città di Monreale si trova a sud di Palermo, a circa ...
  • CefalùCefalù
    Cefalù è un comune di circa 14.000 abitanti, e una delle destinazioni ...
  • Monti SicaniMonti Sicani
    I Monti Sicani sono un massiccio delle terre interne della Sicilia occidentale, ...
  • SegestaSegesta
    Il sito di Segesta è rinomato anzitutto per i suoi due importanti ...
  • Golfo di CastellammareGolfo di Castellammare
    La costa del golfo di Castellammare è essenzialmente balneare, con la sua ...
  • Parco delle MadonieParco delle Madonie
    Le Madonie sono un massiccio montuoso dell’Appennino siciliano a nord dell’isola, che ...
  • Riserva dello ZingaroRiserva dello Zingaro
    La Riserva dello Zingaro è una delle riserve naturali più belle della ...
  • Ustica
    La piccola isola di Ustica, rimasta in gran parte selvaggia, si distingue ...
  • Monte PellegrinoMonte Pellegrino
    Il Monte Pellegrino, situato in una riserva naturale, si inserisce nella vita ...
  • Mondello e Capo Gallo
    A circa 10 chilometri dal centro di Palermo, dall’altra parte del Monte ...
  • Termini Imerese, Caccamo, Himera e San NicolaTermini Imerese, Caccamo, Himera e San Nicola
    Termini Imerese, tra Palermo e Cefalù, può essere una tappa durante una ...
  • Corleone
    Corleone è associata nell’immaginario collettivo alle famiglie mafiose, essendo infatti da tempo ...
  • Carini e dintorniCarini e dintorni
    Carini si trova ai piedi del Monte Saraceno, a nord-ovest di Palermo, ...
  • Bagheria e monte CatalfanoBagheria e monte Catalfano
    Destinazione originale, fuori dai sentieri battuti dai turisti internazionali, Bagheria è ricca ...
  • Solunto
    Sulle pendici sud-orientali del Monte Catalfano che culmina a 376 metri, a ...
Subscribe
Notificami
guest
confidentialite check
0 Commentaires
Inline Feedbacks
View all comments




Destinazioni

Articoli a caso

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x